CAMELLIA SINENSIS (o THEA SINENSIS contenuto in Oasit-k)

 

Ministero della Salute (decreto 9 luglio 2012, aggiornato con decreto 27 Marzo 2014):

“Antiossidante”

 

La Camellia sinensis è la pianta del tè, ossia la specie di pianta le cui foglie e i cui germogli sono usati per produrre il tè. Appartiene al genere Camellia, un genere di piante della famiglia delle Theaceae. Tutti i tipi di tè traggono origine dalla lavorazione delle foglie, dei germogli e di altre parti di questa pianta: soltanto i metodi di lavorazione differenziano le varie tipologie.

Esiste un’ampia bibliografia su questa pianta, nota in Cina fin dall’antichità (1,2,3,4,5,6,7,8)

L’azione principale del The verde è attribuibile alle Catechine polifenoliche, potenti anti-ossidanti neutralizzatori dei radicali liberi.

Le Catechine in esso contenute possono neutralizzare agenti carcinogenici quali le Nitrosamine e l’Aflatossina, interferendo con l’agente cancerogeno; possono inoltre cooperare con gli enzimi e gli altri antiossidanti presenti nell’intestino, nel fegato e nei polmoni, impedendo l’attivazione dei cancerogeni.

Gli studi sulle EGCG, come si può evincere dalla bibliografia riportata, hanno essenzialmente rilevato:

 

  • Un’attività anti-ossidante e di scavenging dei radicali liberi (analogamente alle vitamine C ed E).
  • Una stimolazione dei sistemi di detossicazione, un’induzione selettiva ed una modificazione degli enzimi metabolici, con conseguente maggior formazione e conseguente escrezione di metaboliti, frutto di un processo di detossificazione dell’organismo da agenti oncogeni.
  • Inibizione dei fattori di attivazione e di progressione tumorale, riducendo il tasso di replicazione cellulare.
  • Capacità d’induzione dell’Apoptosi selettiva per le sole cellule neoplastiche; quest’ultima è stata dimostrata, nell’uomo, nelle cellule della Leucemia Mieloide Acuta (Tomonori Nakazato: Catechin, a green tea component, rapidly induces apoptosis of myeloid leukemic cells via modulation of reactive oxygen species production in vitro and inhibits tumour growth in vivo, Haematologica, 90(3), 317-325, 2005), del carcinoma epidermoide e nel carcinoma prostatico.
  • Capacità di arrestare la crescita cellulare anomala, agendo a livello del recettore del fattore di crescita, come fino adesso è stato evidenziato nel carcinoma epidermoide; in questo caso sembrerebbe che le EGCG blocchino le vie del segnale di transduzione associato al fattore di crescita.
  • Agisce, in vitro, con prove sperimentali su animale, contro la Sclerosi Laterale Amiotrofica (Koh SH: The effect of epigallocatechin gallate on suppressing disease progression of ALS model mice, Neurosci Lett., 395(2), pp.: 103-107, 2006)
  • E’ un antiaggregante piastrinico: come tale, la sua azione si estrinseca inibendo la formazione del Trombossano A2 (con meccanismo d’azione paragonabile a quello dell’Aspirina) e di un altro agente aggregante denominato PAF (Platelet Activating Factor). Poichè il Trombossano è anche causa di riduzione del lume vascolare delle arterie, l’inibizione di questo può prevenire fenomeni ischemici a livello cardiaco.

 

 

  1. Ahmad N: Green Tea polyphenols and cancer: biological mechanism and pratical implications, Nutrition Review. pp: 78-83, 1999
  2. Albanes D: Alpha-Tocopherol and beta-carotene supplements and lung cancer incidence in the alpha-tocopherol,
  3. Fujiki H.: Two stages of cancer prevention with green tea, J.Cancer Res. Clin. Oncol. 1999, 125(11), pp.: 589-597
  4. Hibasami H.: Induction of programmed cell death (apoptosis) in human lymphoid leukaemia cells by catechin compounds, Anticancer Res. 1996, 16(4A9, pp.: 1943-1946
  1. Dreosti I.E.: Inhibition of carcinogenesis by Tea the evidence from experimental studies, Crit. Rev. Food. Sci. Nutr.; 37 pp.:761-70 1997
  1. Gao YT: Reduced risk of esophageal cancer associated with green thea consumption, Journal of the National Cancer Institute Vol. 86, 855-858.
  1. Gomes A.: Anti-hyperglyemic effect of black tea (Camellia sinensis) in rat, J. Ethnopharmacol., 45, pp.: 223-226-1995.
  2. Han C.: Screening of anticarcinogenics ingredients in Tea polyphenols, Cancer Lett; 114, pp.: 153-8 1997.

Quanto proposto è ad esclusivo scopo informativo e non sostituisce il medico a cui bisogna rivolgersi per i problemi relativi alla salute.

Lascia un commento